Per la prima volta, sempre

Te lo ricordi, nonna, quando avevo diciott’anni e vivevo insieme a te? A tutti quelli che incontravo dicevo che ero scappata di casa, perché non sopportavo mia madre. Anche mia madre diceva lo stesso di te, che non ti sopportava. Anche lei, a diciott’anni, è scappata di casa. A tutti quelli che incontra dice che... Continue Reading →

Aiutami, lasciami stare

Poi, però, le parole arrivano da fuori. Una donna sta gridando, da qualche parte, dietro il pullman che aspetta di partire. Grida «lasciami stare» e poi «aiutami» e poi ancora «lasciami stare». Penso che tutto il mondo sta desiderando una cosa soltanto. Un mio audioracconto su Fillide.

Gino

Gino era un camionista e viveva lungo l’Autosole. Ci viveva insieme a Rita, che era il suo più grande amore. – Un mio racconto su Verde.

La chiave

sfogliavano i tuoi layer, si eccitavano svuotando la tua cache e frugando nella tua cronologia – Un mio racconto su CrapulaClub.

La chiave

Eri l'essenza della rete che tutto condivide e non dimentica mai niente – Un mio racconto su Guida 42, n. 2: cyborg

Blog su WordPress.com.

Su ↑